• Lascia anche tu una testimonianza
  • Contacto con un maestro

    Conoci a Lanza en el año 1977, en El Bolson, en aquellos años un pueblito de los bosques andinopatagonicos, en Argentina. El impacto de su presencia y su palabra fue enorme.

    Javier Miguel Molins
  • Era allo stesso tempo semplice e molto profondo

    Nel 1975, partecipai, in estate, ad un campo dell’Arca in cui Shantidas stesso conduceva gli incontri. Benché le forme esteriori non mi convincessero molto (gli abiti, il gregoriano…) sono stata fortemente interpellata dalla ricerca di vita semplice...

    Nicole Robin, dite Fleur
  • Shantidas, un saggio nell’azione

    Ho incontrato Shantidas e Chanterelle nell’estate del 1971, a La Borie Noble, dove ero andato a seguito della lettura del suo libro L’homme libre et les.ânes sauvages (L’uomo libero e gli asini selvaggi) che mi aveva profondamente interpellato mentre ero in Algeria per il mio servizio nella cooperazione.

    Michel Leterrier
  • Vêtures du Jardin (Vestizione del Giardino)

    "Océan sans rivage", sito di poesia contemporanea, ci offre questo poema dedicato a Lanza del Vasto. Che il suo autore sia ringraziato! Ti fa respirare...

    Océan sans rivage
  • Il messaggio di Lanza in Belgio

    In un periodo di ricerca spirituale e comunitaria, ebbi la fortuna di incontrare Georges Papadimitriau-Demaître, che mi fece conoscere il movimento dell’Arca di cui era uno degli iniziatori in Belgio. Mi sono immediatamente abbonato alla sua rivista Mutations (Mutazioni), e negli anni successivi ho partecipato agli incontri a Bruxelles e in altri luoghi dove Lanza…

    Fernand Samsoen
  • Una Spiritualità irradiante

    Nel gennaio 2015, mentre mi trovo nella biblioteca di Tortosa (Spagna), mi cadono gli occhi su di un libro di Lanza del Vasto, il Pellegrinaggio alle Sorgenti, in catalano. La lettura mi sconvolge.   Chi è quest’uomo? Che chiarezza, che profondità, che acutezza, che trasparenza!  Non sono forse queste dimostrazioni di vita, di trasmissione dell’essenziale?

    Suzanna Duguy
  • Vicino a lui al momento della morte...

    La prima volta che andai a la Borie Noble, Shantidas era molto malato. Aveva una polmonite, ma non voleva antibiotici. Dato che ero infermiera, Chanterelle mi chiese di occuparmi di lui, e accettai.

    Maïté ETCHEGARAY
  • La Non-violenza ancorata a Dio

    Quello che mi ha più colpito in Shantidas, e tutt’ora mi commuove maggiormente in lui, è la non-violenza ancorata a Dio. Dio è il NON VIOLENTO incarnato in Gesù e in tutti i grandi uomini spirituali, ed è grazie a lei che usciremo dall’inferno mondializzato. Che gioia vedere Papa Francesco...

    Marie-Pierre Bovy
  • Mi definisco suo discepolo

    É nel 1971 (avevo 20 anni) che ho scoperto con emozione e entusiasmo l’opera di Lanza. Poco a poco, iniziando da Principi e precetti per un ritorno all’evidenza, continuando poi con Pellegrinaggio alle Sorgenti, ho finito con il leggere tutti i suoi libri, prima d’incontrarlo nell’estate del 1972 a la Borie Noble. Tornando dall’Africa, nel 1975...

    Padre Bertrand Bousquet