Adolescenza e formazione (1901 – 1928)

Giuseppe Lanza nasce il 29 settembre 1901 a San Vito dei Normanni (Brindisi), dove vive un infanzia tranquilla, arricchita da alcune profonde esperienze spirituali.

Lanza del Vasto bambino con I suoi due fratelli – Angelo a sin., Lorenzo a ds
Lanza del Vasto bambino con I suoi due fratelli – Angelo a sin., Lorenzo a ds

La casa della sua infanzia si trova non lontano dal mare. La luce mediterranea che illumina i suoi primi anni, gli dona la percezione di un mondo in cui “ogni cosa è unita in un tutto”, ove tutte le cose riflettono l’una all’altra la luce, come le sfaccettature di un cristallo. Questa intuizione gli suggerisce un pensiero originale: la considerazione che la relazione fra gli esseri è più importante degli esseri stessi. Egli non cesserà mai di approfondire questa intuizione, chiave del suo futuro sistema filosofico.

Il giovane studente di filosofia
Il giovane studente di filosofia

Nel 1911, suo padre lascia la casa e la famiglia. Nel 1913, il giovane Giuseppe, sua madre e i suoi due fratelli, si trasferiscono a Parigi. Negli anni dei suoi studi secondari, al Liceo Condorcet, Giuseppe scopre la sua vocazione letteraria e pubblica i suoi primi versi. Nel 1921, senza abbandonare la poesia, si iscrive alla facoltà di Filosofia a Firenze, poi a Pisa. Benché allievo non provetto, la ricerca intellettuale lo appassiona. Sette anni dopo, consegue la Laurea in Filosofia all’Università di Pisa discutendo la Tesi “Approcci alla Trinità Spirituale”, tema che rimarrà centrale nella sua vita.

In quegli anni Lanza si considera pensatore e artista libero da ogni appartenenza religiosa, ma la lettura di un testo di San Tommaso d’Aquino, nel 1925, lo colpisce profondamente e lo riporta alla fede Cristiana della sua tradizione. La triade delle facoltà dello spirito (sensibilità, intelligenza e volontà), idea fondante della sua tesi, viene d’ora in poi illuminata dal mistero della Trinità.

Lanza, anche se molto preso dai suoi studi, non intende diventare però un intellettuale. Considera che ogni autentica saggezza deve confrontarsi con le profondità del reale e tramutarsi in amore. Rinunciando ad una eventuale carriera universitaria, sceglie di mettersi in viaggio a piedi o per mare…

DETTAGLI BIOGRAFICI

Infanzia (1901-1919)

  • 1901 : nasce a San Vito dei Normanni (Puglia).
  • 1903-1904 : nascita dei due Fratelli (Lorenzo ed Angelo).
  • 1911 : il padre lascia la famiglia.
  • Ottobre 1913 – luglio 1920 : studi secondari a Parigi.

Studi (1920-1929)

  • 1920 – 1921  : studi di filosofia a Firenze
  • 1921 – 1925  : studi di filosofia a Pisa, amicizie importanti
  • Giugno 1923 :  lo colpisce la lettura di Ruysbroek,  l’Admirable
  • Agosto 1924 e 1925 : Decadi di Pontigny
  • Settembre 1925 : legge San Tommaso d’Aquino,  conversione
  • 1926 : ritorno a Firenze.  Amicizia con Giovanni Costetti
  • 1927 : “Conquiste di Vento” di “Lanza del Vasto”.  Legge l’Antico Testamento.
  • 1928 :  Laurea in Filosofia, Università di Pisa
  • 1928-1929 :  rompe il fidanzamento con Mary